fbpx

Appartamento ristrutturato al Centro Storico di Palermo

Appartamento ristrutturato al Centro Storico di Palermo
Via Divisi, Kalsa, I Circoscrizione, Palermo, Sicilia, 90140, Italia
In Vendita €240,000 - Appartamento
RH-1192-property 175 3 Camere da letto 2 Bagni 0 Garage 1500 Anno di costruzione

Al primo piano di un palazzo edificato alla fine del 1500 dal nobile Giovannello Corvino, principe di Mezzojuso, all’interno di uno dei quartieri più storici della città di Palermo, il quartiere ‘Kalsa’, disponiamoin Via Divisi, di uno splendido appartamento totalmente ristrutturato in chiave moderna, che mantiene tuttavia dei dettagli dell’epoca.

L’immobile impegna una superficie di circa 170 mq, ed è composto da ampi vani ben disimpegnati: da porta blindata si accede su un ampio ingresso da cui si diramano i vari ambienti dell’appartamento: a destra un corridoio conduce a 2 camere da letto con finestre su un pozzo luce, un bagno con box doccia, ed un ampio ripostiglio, mentre frontalmente all’ingresso si accede ad un ampia zona living, con balconi che espongono sulla via divisi, e con zona cottura a vista.
Un altro corridoio conduce alla terza camera da letto con balcone, ed al secondo bagno.

Tutti gli ambienti sono climatizzati, gli infissi sono in vetro camera, il riscaldamento è autonomo. In due delle tre camere da letto sono presenti delle cabine armadio.
All’interno dell’atrio del palazzo è possibile parcheggiare l’auto .

Palazzo Corvino di Mezzojuso è un palazzo storico di Palermo, situato in via Divisi, nel mandamento Kalsa. La dimora fu edificata in tarda età manieristica dal principe di Mezzojuso conosciuto col nome di Blasco.
Nella corte interna si trova un bellissimo loggiato e una fontana in pietra Billiemi. La dimora è stata edificata in tarda età manieristica da Giovannello Corvino, principe di Mezzojuso. Era, però, più conosciuto col nome di Blasco. I Corvino erano di origine laziale e il primo ad arrivare a Palermo fu un certo Gaspare, un mercante di panni che riuscì in poco tempo ad espandere la propria attività in tutta l’isola. Successivamente acquistò i feudi di Mezzojuso. Alla sua morte lasciò tutto in eredità al suo unico figlio, Giovannello. Nel Cinquecento le famiglie più in vista facevano a gara per accaparrarsi i migliori artisti per abbellire i propri palazzi.
Quando Giovannello Corvino poté abitare nella dimora di via Divisi diede incarico al termitano Vincenzo La Barbera di dipingere una santa rappresentazione della Sacra Famiglia. Il dipinto venne collocato nella sua stanza da letto. Nel 1673 Blasco, nipote di Giovannello, si spense e lasciò la proprietà al figlio Giuseppe, anche lui capitano di Giustizia e deputato del Regno. L’edificio venne ristrutturato e il progetto affidato a Giuseppe D’Amato. Col terremoto del 1726 la dimora subì notevoli danni e per un lungo periodo fu abbandonata. A rimettere in sesto il palazzo di via Divisi ci pensò, nella seconda metà del Settecento, il principe Domenico Filangeri di Linguaglossa, che chiamò al suo servizio gli artisti Ricciardi, Nobile e La Bua. Ma non riuscì mai ad abitare la casa di via Divisi. Così cedette la costruzione in enfiteusi al monastero del SS. Salvatore.
Sul finire del Settecento si registrò un’altra opera di ristrutturazione affidata a Giuseppe Venanzio Marvuglia. L’intervento, specialmente all’interno, resta pienamente documentato nel cortile e nell’arioso scalone, mentre all’esterno risulta accentrato nel portale d’ingresso

Total Page Visits: 198

Dettagli aggiuntivi

  • : 240000

Caratteristiche

Mappa della proprietà

Immobili Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *